Terzo e ultimo trimestre di gravidanza: gli esami gratuiti

L’ultimo trimestre di gravidanza: il parto si avvicina (pic by khaled el hage)

Qui vi abbiamo raccontato di come nel primo trimestre di gravidanza il corpo della donna si modifica e con lei il feto che inizia a bere il liquido amniotico e che, alla fine del terzo mese, è già in grado di avvertire le prime sensazioni che provengono dal corpo della mamma. In questo secondo post abbiamo approfondito il secondo trimestre della gravidanza. Concludiamo ora questa carrellata attraverso i nove mesi di gestazione.

Terzo trimestre di gravidanza: il parto si avvicina

L’ingresso nella 28° settimana segna l’inizio dell’ultimo trimestre di gravidanza.
E’ un periodo impegnativo per la futura mamma che vive sentimenti contrastanti: il momento del parto si avvicina generando un inevitabile senso di paura; nello stesso tempo aumenta il desiderio di conoscere  il proprio bambino e di uscire da una condizione fisica che, nelle ultime settimane di gestazione, crea qualche difficoltà determinando un generale senso di affaticamento.

Le trasformazioni più importanti del corpo della donna in vista del momento del parto

Nel corso del terzo trimestre di gravidanza il corpo femminile vive le trasformazioni più importanti che lo prepareranno al parto:

  • la pancia continua a crescere e nelle ultime settimane si abbassa in corrispondenza della discesa del feto nella parte inferiore dell’utero
  • Il seno si ingrossa
  • le gambe si gonfiano
  • l’utero  aumenta costantemente le proprie dimensioni alzando il diaframma e rendendo la respirazione della mamma più difficoltosa;
  • possono comparire rossori cutanei  a causa dell’aumentata circolazione sanguigna o anche prurito nella zona pelvica in seguito ai movimenti del bambino che si avvertono in modo sempre più evidente

Nonostante questi inconvenienti, che si possono manifestare in modo differente,  la mamma vive momenti di grande emozione, poiché intensifica di giorno in giorno il rapporto con il suo bambino, sia da un punto di vista emotivo che fisico.

Il feto nell’ultimo trimestre di gravidanza

All’ingresso nel terzo trimestre lo sviluppo degli organi interni del feto è completato;  da questo momento il bambino si accresce sviluppandosi soprattutto dal punto di vista delle dimensioni fisiche;  si completa, invece, lo sviluppo degli organi sensoriali.
Al termine di questo meraviglioso viaggio il bambino misura in media 48 cm e pesa in media  3.3 chilogrammi. Il suo aspetto è più o meno rotondo grazie ai depositi adiposi che ha accumulato a livello sottocutaneo, ha perso quasi completamente la lanugine che ricopriva il suo corpo, spesso presenta un ingrossamento degli organi genitali esterni o del seno  a causa degli ormoni materni in circolo.
I suoi movimenti nella pancia sono, ovviamente, più limitati; nell’ultimo periodo il bimbo inizia la sua discesa nel canale del parto fino a posizionarsi nella cervice uterina presentandosi in posizione cefalica, cioè capovolta, finalizzata all’espulsione finale. In questa fase è possibile avvertire le prime contrazioni, sporadiche e irregolari, che precedono l’ingresso nella cosiddetta fase prodromica.

Gli esami e la diagnosi prenatale nel terzo e ultimo trimestre di gravidanza

La mamma continua a eseguire i controlli di routine previsti, nell’ambito dei quali quelli soggetti a esenzione sono i seguenti:

28°-32° settimana:
Emocromo: Hb, GR,GB,HCT,PLT,IND.DERIV.,F.L.
Ferritina in caso di riduzione del volume globulare medio
Urine: esame chimico-fisico e microscopico
Ecografia Ostetrica

33°-37° settimana:
Virus Epatite B (HBV): ANTIGENE HBsAg
Virus Epatite C (HCV): RICERCA DEGLI ANTICORPI
Emocromo: Hb, GR,GB,HCT,PLT,IND.DERIV.,F.L.
Urine: esame chimico-fisico e microscopico
Virus immunodeficienza acquisita (HIV1-2) : ricerca degli anticorpi ( in caso di rischio anamnestico).

38°-40° settimana:
Urine: esame chimico-fisico e microscopico

Dalla 41° settimana:
Ecografia Ostetrica su specifica richiesta dello specialista

Un corso gratuito per tutti i genitori. Da settembre per 10 incontri con gli esperti

Bioscience Institute offre a tutti i genitori corsi gratuiti con esperti

Si avvicina il momento del parto e ti poni tante domande a cui solo un esperto può dare risposta.

Cosa posso fare per gestire nel modo migliore i disturbi del sonno, l’aumento del peso corporeo, evitando gambe pesanti e  smagliature?

Come aver cura della pelle del bimbo che si arrossa, dei sensi che si sviluppano e dei primi soccorsi di cui può aver bisogno? 

Noi di Bioscience Institute vogliamo offrire a tutti  voi genitori (anche ai papà) una serie di incontri che possano chiarire i molti dubbi su gravidanza, parto e i primi mesi di vita del vostro bambino. A partire dalla fine di settembre  dieci incontri con gli esperti:

  1. Parto e analgesia – anestesista
  2. Cura della pelle  – dermatologo
  3. Peso e alimentazione – nutrizionista
  4. Inestetismi  in gravidanza – medico estetico
  5. Disturbi del sonno – neurologo
  6. Percezione del feto – ostetrica
  7. Allattamento – pediatra
  8. Sviluppo dei sensi – pediatra
  9. Primo soccorso pediatrico – pediatra
  10. Gambe pesanti – chirurgo vascolare

per accompagnarvi al mestiere più bello e più difficile del mondo, quello del genitore.

Per iscrivervi o ricevere maggiori informazioni

I corsi si terranno presso la sede di Bioscience Institute a San Marino.