BELLY MAPPING: Arte in gravidanza

Durante la gravidanza imparerai a conoscere il tuo bimbo e i suoi ritmi anche attraverso i suoi movimenti: dapprima più leggeri e timidi poi, con il passare delle settimane sempre più decisi, tanto che spesso potrai distinguere un calcetto rispetto al movimento della manina o quando invece sta muovendo il sederino o la testa.
Il Belly Mapping (letteralmente “mappatura della pancia”) rappresenta un modo divertente per approfondire questa conoscenza tra te e il tuo bambino, magari coinvolgendo anche il papà: si tratta di disegnare sul pancione, rappresentando secondo la tua fantasia e immaginazione, il bimbo all’interno dell’utero avvolto dal liquido amniotico e collegato alla placenta attraverso il cordone ombelicale.
Vediamo allora, passo per passo, come mettere in pratica questa nuova forma d’arte!
Per prima cosa , distese e rilassate, con l’aiuto del papà e della vostra ostetrica (se già ne avete una), provate ad individuare la posizione del vostro bimbo: cercate nella pancia una zona che sia compatta, dura e continua al tatto, avrete così trovato la schiena. Ad una estremità ci sarà il sederino (più grande e morbido) e all’altra la testina (più liscia e dura). Ascoltando poi i movimenti del bimbo potrete capire dove sono le gambe e i piedini, (che danno colpi più intensi e decisi) e dove sono invece braccia e mani.
Può essere utile riprodurre uno schema della pancia per segnare le vostre sensazioni:
Ora che avete questo schema, potete utilizzarlo come guida nel disegnare il vostro bimbo; procuratevi dei colori lavabili ed anallergici, come quelli che usano i truccabimbi! Li trovate nelle cartolibrerie più fornite o nei negozi che vendono articoli per organizzare le feste.
Potete iniziare disegnando i contorni , per poi riempirli seguendo la vostra fantasia e ispirazione (guarda il video).
Fotografate il pancione dipinto, nell’album dei ricordi farà un figurone!

Regolamento del concorso Bioscience “Belly Mapping: Arte in gravidanza”
Condividi e metti “mi piace” al post
Disegna il tuo bambino e invia una foto a social@bioinst.com; tutte le foto che arriveranno entro il 31 ottobre 2016 verranno pubblicate nell’album Belly Mapping sulla pagina Facebook di Bioscience.
Dal 3 al 13 novembre 2016 sarà possibile votare (per raccogliere più like invita i tuoi amici a mettere mi piace sulla tua foto entrando direttamente nell’album).
La foto che riceverà più like si aggiudicherà lo sconto di 200,00 euro su uno dei servizi offerti da Bioscience Institute (ad esclusione del G-Test). Il nome della vincitrice verrà pubblicato il 14 novembre.
E ora via libera alla fantasia e buona fortuna!

I controlli della mamma nel periodo post-parto

Pic by Frank Black Noir

E’ finalmente arrivato il gran giorno e voi avete appena partorito il bambino più bello del mondo…e adesso?
Adesso inizia un periodo speciale, in cui imparate a conoscervi, consolidando una relazione iniziata nove mesi fa, e in cui esprimete pienamente l’accudimento nei confronti del neonato.
Nonostante siate assorbite dal nuovo ruolo di mamma, è importante non dimenticarsi di prendervi cura di voi stesse, anche perché il vostro benessere coincide inevitabilmente con quello del vostro bambino.
Il parto è un momento forte che ha un grosso impatto a livello fisico, e il corpo femminile ha bisogno di un po’ di tempo per recuperare il proprio equilibrio.
A cosa prestare attenzione quindi? Cosa succede al corpo femminile dopo il parto?
La cosa forse più evidente è il fenomeno definito lochiazione, cioè le perdite di sangue che inizialmente presentano un flusso abbondante, di colore rosso vivo e che gradualmente si riducono assumendo un colore giallo chiaro o trasparente, fino a esaurirsi in genere entro i primi 30 giorni dal parto.
Controllate che il flusso sia regolare e che non abbia un colore o un odore anomali, che possono indurre a sospettare la presenza di un’infezione.
E’ fisiologico avvertire contrazioni addominali, che sono più frequenti in caso di secondo parto e che sono dovute alla regressione dell’utero che nell’arco di circa quaranta giorni ritorna alle sue dimensioni originarie. Questi dolori, definiti morsi uterini, si avvertono particolarmente quando la mamma allatta, come conseguenza dell’azione dell’ormone ossitocina la cui produzione viene stimolata dalla suzione del neonato.
Non preoccupatevi, dunque, se la vostra pancia non torna subito alle dimensioni che aveva prima della gravidanza, il corpo femminile ha bisogno di tempo per riorganizzarsi.
Cercate di seguire un’alimentazione varia ed equilibrata che favorisca una normale attività intestinale e sforzatevi di bere molti liquidi, che aiutano ad avere una buona produzione di latte.
Tenete sotto controllo l’aspetto del vostro seno: se alla palpazione vi sembra di avvertire la presenza di indurimenti, accompagnati da arrossamento o calore, è molto probabile che si sia verificato un ingorgo mammario, cioè un ristagno di latte che in genere si manifesta nei primi giorni di allattamento.
Se si forma un ingorgo cercate di risolvere il problema il prima possibile, poiché se trascurato questo inconveniente può sfociare in mastite, una complicazione dolorosa per la mamma causata dalla proliferazione di germi nei dotti lattiferi.
Una buona regola da seguire è quella di mantenere una corretta igiene locale, prevenendo la formazione di lesioni cutanee che favoriscono l’ingresso di agenti infettivi.
Infine programmate una visita di controllo con il ginecologo a distanza di 40-60 giorni dal parto: questo appuntamento permetterà di controllare la corretta regressione uterina, lo stato della cicatrice che si è formata in seguito al parto cesareo o alla episiotomia, la tonicità del pavimento pelvico.
Ricordatevi che il pavimento pelvico è un tessuto che svolge un ruolo chiave non solo durante la gravidanza e il parto, ma nella vita quotidiana della donna, poiché partecipa attivamente alle funzioni di minzione e defecazione, mantiene in sede gli organi presenti nelle basse pelvi, contribuisce al coordinamento del corpo in movimento.
Concludendo, care mamme, godetevi questo periodo meraviglioso, cercando di non perdere di vista il vostro benessere ma senza pretendere troppo da voi stesse.

Sarò mamma: un percorso verso la nascita.

sarò mamma

La gravidanza è un meraviglioso viaggio, non solo per il feto ma anche per la mamma che vive in modo unico e irripetibile le trasformazioni fisiche ed emotive che la accompagnano durante i nove mesi di gestazione.
Bioscience Institute propone alle future mamme di percorrere insieme questo viaggio, avvalendosi dei preziosi consigli di ostetriche esperte che accompagneranno le mamme nel periodo della dolce attesa.
Da questa idea nasce “Sarò mamma”, un ciclo di 6 incontri completamente dedicato alla donna (e perché no…anche ai futuri papà) in cui si creeranno momenti di conoscenza e di confronto non solo in relazione al periodo della gravidanza, ma anche a quello del puerperio.
Capita talvolta che una donna sia circondata da molte attenzioni durante la gravidanza, e necessiti invece di una figura di riferimento dopo la nascita del bambino.
Attraverso questa iniziativa le mamme potranno creare un rapporto personale con le ostetriche, rapporto che prenderà corpo dal primo trimestre di gestazione, si consoliderà nel corso dei nove mesi e si protrarrà anche dopo il parto, qualora una mamma necessiti di consigli e suggerimenti.
Quali argomenti verranno trattati?
La sessualità in gravidanza e nel periodo post-parto, il parto naturale, con particolare riferimento alla gestione del dolore, l’allattamento al seno, il periodo del puerperio e tanto altro.
Il primo appuntamento è fissato per giovedì 14 novembre alle ore 17.30, presso la sede di Bioscience Institute.
Il tema del primo incontro sarà “Il miracolo della vita”, un viaggio alla scoperta delle principali tappe che segnano lo sviluppo di ogni essere umano.
La partecipazione é libera e a numero chiuso, si richiede pertanto la prenotazione al numero verde 800 985 177.

Al via gli incontri di ginnastica pre-parto presso Bioscience Institute

ginnastica pre-parto

ginnastica pre-parto ( pic by Appaloosa )

La gravidanza rappresenta un momento particolare in cui la donna vive una serie di cambiamenti che la coinvolgono non solo dal punto di vista fisico, ma anche psicologico.
E’ importante che la futura mamma sia consapevole delle trasformazioni a cui va incontro, affinchè possa vivere serenamente il periodo della dolce attesa e giungere al momento del parto priva di paure che creano complicazioni inutili.
Una gravidanza consapevole è una gravidanza serena a decorso fisiologico.
E’ universalmente riconosciuto che lo svolgimento di un’attività fisica dolce, praticata regolarmente, contribuisce in maniera efficace a prevenire lo stress, a ridurre le tensioni croniche ed a proteggere la colonna vertebrale, affinchè il corpo si possa concentrare in maniera ottimale sulla gravidanza.
Bioscience Institute, che con differenti iniziative si affianca alle future mamme nel periodo della dolce attesa, organizza un ciclo di incontri dedicati alla ginnastica pre-parto.
Nel corso dei 4 appuntamenti, che inizieranno lunedì 21 ottobre presso la nostra sede, le future mamme impareranno a respirare correttamente, a rafforzare la muscolatura del perineo, ad assumere una corretta postura e tanto altro.
Gli incontri sono rivolti alla coppia: anche i futuri papà saranno coinvolti in un progetto che permetterà loro di diventare un prezioso supporto nei momenti più importanti di questo viaggio meraviglioso.
Per aderire alla nostra iniziativa è sufficiente telefonare al numero 0549/909905.
La partecipazione è gratuita.

Il pavimento pelvico: conoscersi per prevenire

Esiste una regione corporea che svolge un ruolo centrale nel controllare le fisiologiche funzioni della vescica e dell’intestino, e che è intimamente legata alla sfera sessuale di ogni donna.
Questa regione, costituita da tessuto muscolare e tessuto connettivo, è localizzata tra la sinfisi pubica e il coccige, e funge da sostegno per l’intestino, l’utero e la vescica, organi particolarmente sollecitati nel corso della gestazione.
Raramente le donne conoscono la funzione del pavimento pelvico, e solo in gravidanza scoprono l’importanza di questo tessuto.
La gravidanza e il parto possono mettere a dura prova i muscoli del pavimento pelvico, per questo è importante conoscere e poter individuare alcune particolari condizioni di rischio.
Esiste, a tal proposito, la possibilità di eseguire uno screening che ha lo scopo di valutare lo stato dei muscoli che reggono e sostengono il bambino durante la dolce attesa per evitare che lo stress del parto possa cogliere impreparate le future mamme.
Bioscience Institute, che con diverse iniziative accompagna le coppie di futuri genitori lungo il percorso della gravidanza, propone una giornata dedicata allo screening gratuito delle disfunzioni del pavimento pelvico.
Martedì 30 Luglio l’ostetrica Dott.ssa Antonella Cavalieri, responsabile del Servizio di Riabilitazione del Pavimento Pelvico (Centro Pelvi, Pordenone) sarà a disposizione di tutte le donne in attesa che desiderano prendere coscienza del proprio stato di salute.
Le visite verranno effettuate presso gli ambulatori di Bioscience Institute previa prenotazione telefonica al seguente numero: 0549/909905.
Vi aspettiamo!