Diagnosi prenatale: gli esami in gravidanza

Gli appuntamenti della diagnostica prenatale

Nel corso della gravidanza la mamma in attesa è sottoposta ad una serie di controlli (ecografie, esami del sangue…) che permettono al ginecologo di valutare il suo stato di salute e la corretta crescita del bambino.

SI tratta di appuntamenti importanti che rassicurano i futuri genitori sul corretto proseguimento della gravidanza e permettono inoltre di entrare maggiormente in contatto con il bambino.

Al di là degli esami considerati di routine è possibile eseguire indagini particolari (amniocentesi, villocentesi), che fanno parte della diagnostica prenatale, che consentono di valutare la presenza di anomalie nel feto.

Si tratta di indagini strumentali e di analisi di laboratorio che si eseguono con tempistiche differenti,  il cui valore diagnostico è correlato al grado di invasività.

La diagnostica prenatale identifica la presenza di patologie fetali di differente natura e gravità:

  • patologie legate a malformazioni
  • anomalie cromosomiche
  • malattie geniche
  • presenza nel genoma di agenti infettivi (Citomegalovirus, Varicella Zooster,  HIV..).

Le informazioni che la diagnostica prenatale fornisce permettono ai futuri genitori di decidere se proseguire o meno la gravidanza; per questo motivo le tempistiche ad essa associate vanno rispettate in modo rigoroso.

Ogni futura mamma è libera di eseguire queste indagini, che sono raccomandate dopo i 35 anni, poiché con l’avanzare dell’età della donna aumenta il rischio che il feto presenti anomalie cromosomiche.

Il valore della diagnosi prenatale si esprime soprattutto nei confronti di “coppie a rischio” che presentano nella propria storia familiare una malattia genetica o che sono portatrici di una mutazione cromosomica: in queste situazioni disporre di un’informazione precoce relativa allo stato di salute del feto significa, talvolta, poter intervenire con un trattamento chirurgico o farmacologico.

Anche qualora non sia possibile intervenire nella fase prenatale, l’informazione può essere utile per pianificare l’intervento medico post-natale e per preparare la reazione psicologica della famiglia.

La diagnosi prenatale è raccomandata nei seguenti casi:

  • età materna superiore a 35 anni
  • presenza nella storia familiare di malattie genetiche, di anomalie morfologiche o di alterazioni nell’assetto cromosomico.
  • precedenti aborti spontanei
  • malattie infettive insorte in gravidanza
  • consanguineità dei genitori
  • anomalie fetali rilevate attraverso i controlli ecografici
  • sospetto di anomalie fetali evidenziato da test di screening materni
  • assunzione di farmaci o di radiazioni

 

Diagnosi prenatale: nuove frontiere

Nuove scoperte per fare diagnosi sul feto in gravidanza

Diagnosi prenatale dal sangue materno

Entusiasmanti prospettive si aprono nell’ambito della diagnosi genetica prenatale: i ricercatori della University of Washington hanno annunciato la possibilità di valutare la presenza di anomalie fetali attraverso un semplice prelievo di:

  • sangue materno 
  • associato ad un campione di saliva paterno

La scoperta che apre nuovi scenari nella diagnosi prenatale

E’ recente, infatti, la scoperta  che il sangue della futura mamma contiene, già dalle prime settimane di gestazione, circa il 10% di materiale genetico fetale, sotto forma di dna extracellulare fluttuante.
Sfruttando questa importante acquisizione, i ricercatori Jacob Kitzman e Matthew Snyder hanno messo a punto una metodica che esegue l’analisi dell’intero genoma fetale, evidenziando la presenza di malattie genetiche nel nascituro .
Attualmente, per ottenere le stesse informazioni, è necessario ricorrere a tecniche molto più invasive, la villocentesi e l’amniocentesi, che portano con sé il rischio, pari circa  all’1%, di interrompere la gravidanza.

La nuova metodica nella diagnosi prenatale: molte più malattie diagnosticate dal sangue materno

La nuova metodica nella diagnosi prenatale mostra un livello di accuratezza del 98%  e presenta potenzialità enormi legate al numero di alterazioni genetiche che possono essere analizzate.
I test tradizionali infatti evidenziano la presenza di un numero selezionato, per quanto ampio, di patologie; al contrario l’analisi dell’intera sequenza del genoma  estende la diagnosi ad un numero molto più amplificato di malattie.
La nuova metodica consente inoltre di trovare mutazioni specifiche del dna fetale, caratteristiche uniche del nascituro e non ereditate dai genitori che potrebbero essere correlate allo sviluppo di patologie;  ciò permetterà di delineare in tempi molto precoci il profilo genetico di ogni individuo.