Corsi di accompagnamento alla genitorialità presso Bioscience Institute: presto la nuova edizione

Corsi di accompagnamento alla genitorialita

Pic by MGD photography

Si sono conclusi lunedì pomeriggio i corsi di accompagnamento alla genitorialità organizzati da Bioscience Institute e Nuova Ricerca, con il patrocinio della Segreteria di Stato alla Sanità della Repubblica di San Marino.
L’iniziativa ha avuto un notevole riscontro in termini di interesse e di partecipazione e ha rappresentato il primo ciclo di una serie di incontri legati al tema della genitorialità.
Essere genitori: un mestiere tra i più difficili rispetto al quale Bioscience Institute e Nuova Ricerca hanno cercato di fornire alcuni validi strumenti attraverso la partecipazione di specialisti medici con cui è stato possibile creare un interessante confronto.
Uno degli aspetti maggiormente apprezzati dai numerosi partecipanti è stata la varietà di argomenti trattati, che hanno spaziato dalle tematiche riguardanti il delicato momento del parto ai piccoli o grandi problemi che i neo-genitori affrontano sia prima che dopo la nascita del loro bambino.
Alcuni degli argomenti proposti, tra l’altro, difficilmente vengono affrontati in analoghe iniziative: al di la’ di tematiche sempre utili e interessanti quali, ad esempio, l’alimentazione del neonato, il ciclo di incontri ha offerto, infatti, l’opportunità di approfondire argomenti quali la parto-anelgesia, la corretta alimentazione in gravidanza e i concetti fondamentali del primo soccorso pediatrico.
Un’iniziativa come quella appena conclusa ha il suo punto di forza nella possibilità, offerta agli interessati, di seguire uno o più corsi a scelta, poiché non sono tra loro propedeutici, ma del tutto indipendenti gli uni dagli altri.
Bioscience Institute e Nuova Ricerca, visto l’interesse suscitato, hanno intenzione di riproporre periodicamente il ciclo di incontri, raccogliendo gli spunti emersi nel corso della prima edizione.

L’alimentazione in gravidanza

Come introdurre tutti i principi nutritivi necessari in gravidanza (pic by elana’s pantry)

In gravidanza un’alimentazione sana ed equilibrata rappresenta un presupposto fondamentale affinché la mamma in attesa si mantenga in buona salute e favorisca il corretto proseguimento della gestazione.

L’attenzione ad un corretto stile alimentare infatti aiuta a prevenire l’insorgenza di complicazioni e assicura il giusto apporto di nutrienti fondamentali per lo sviluppo del bambino.

Sono lontani i tempi in cui si riteneva  necessario raddoppiare l’apporto calorico giornaliero per nutrire anche il feto: oggi questo comportamento viene fortemente sconsigliato non solo perché non necessario, ma anche perché determina un eccessivo aumento di peso  che causa affaticamento e  predispone la mamma a condizioni patologiche importanti come il diabete gestazionale o la gestosi.

La dieta della mamma in attesa dovrebbe essere varia ed equilibrata per assicurare l’introduzione di tutte le sostanze che sono fondamentali  per uno sviluppo sano e armonico del feto e anche per permettere al bambino di conoscere già nella fase prenatale la varierà di sapori a nostra disposizione.

La scelta degli alimenti va fatta con cura, mostrando attenzione a non escludere dalla dieta alcune sostanze che sono importanti per il corretto proseguimento della gravidanza, e che devono essere introdotte nelle giuste quantità:

  • Acido folico: interviene nella formazione dei globuli rossi, la sua assunzione aiuta a prevenire malformazioni a carico della colonna vertebrale (spina bifida). È presente nelle  verdure a foglia verde, nel lievito, nei cereali integrali. La dieta non è in grado di fornire, da sola, la quantità di acido folico necessaria, per cui è importante l’utilizzo di integratori che il medico curante prescrive alla mamma nel corso del primo trimestre.
  • Calcio: è il costituente principale delle ossa, contribuisce inoltre alla regolazione della pressione arteriosa e interviene in numerosi processi fisiologici. E’ contenuto in latte e derivati, verdure verdi, legumi.
  • Ferro:  costituisce l’emoglobina e la mioglobina, le proteine contenute nei globuli rossi che trasportano l’ossigeno a livello tissutale. Interviene anche in numerosi processi fisiologici. E’ contenuto principalmente nelle carni, in particolare in quelle rosse, nelle uova, nei legumi, nei cereali integrali e nelle verdure a foglia verde. La forma maggiormente disponibile è quella presente nella carne. Il suo valore tende fisiologicamente a diminuire nel corso della gravidanza, al punto che diventa spesso necessario assumerlo attraverso specifici integratori.
  • Fibre:  sono utili per la corretta mobilità intestinale, ciononostante vanno introdotte con moderazione poiché rallentano l’assunzione di vitamine e di sali minerali. Sono contenute nei cereali integrali, nella frutta e nella verdura.
  • Vitamina B12: interviene nella formazione dei globuli rossi. E’ contenuta in uova, fegato, carni, formaggi.
  • Vitamina A:  favorisce lo sviluppo dello scheletro fetale. E’ contenuto in  verdura e frutta di colore giallo-arancio e verde scuro, latte, burro, fegato, uova.
  • Vitamina D: necessaria per la formazione delle ossa e per l’assorbimento del calcio. Si trova in uova, latte e derivati, sardine, olio di fegato di merluzzo, tonno, salmone.
  • Vitamina C: aumenta l’assorbimento del ferro. Si trova in pomodori, peperoni, insalate verdi, frutta (agrumi, fragole, kiwi, ribes ).