La gestosi

La gestosi è una condizione che coinvolge circa il 5% delle donne in attesa.
Compare nella seconda metà della gravidanza, in genere nell’ultimo trimestre e si manifesta principalmente con 3 sintomi specifici:
- ipertensione arteriosa, ovvero aumento della pressione arteriosa che supera i valori di 140 mmHg (valore di massima) e di 90 mmHg (valore di minima) dopo la 20° settimana
- presenza di proteine nelle urine (proteinuria)
- formazioni di edemi, cioè di ritenzione idrica a livello di mani, viso e caviglie
Non sono ancora note le cause di questo disturbo, che si ritiene dipendere da alterazioni a carico della placenta; sono invece ben documentati i suoi fattori di rischio, cioè condizioni specifiche che predispongono la donna alla gestosi, in particolare:

  •  obesità
  •  precedente ipertensione arteriosa
  •  diabete mellito
  •  patologie renali
  •  patologie autoimmuni e della coagulazione
  •  fattori genici
  •  età materna avanzata
  •  fumo di sigaretta
  •  familiarità
  •  gravidanza gemellare

La donna con gestosi non deve eseguire sforzi e deve essere attentamente monitorato il suo stato di salute oltre che quello del bambino.
L’unica terapia efficace per la gestosi sembra essere il parto, che è spesso anticipato rispetto alla data presunta; per questo motivo il ginecologo può prescrivere alla mamma solfato di magnesio che, favorendo la crescita dei polmoni fetali, assicura che il feto sia correttamente sviluppato prima di procedere con il parto.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>