Cellule staminali pluripotenti indotte (iPS)

Le cellule staminali pluripotenti indotte sono cellule indifferenziate prodotte artificialmente a partire da cellule adulte che, attraverso una manipolazione genetica, perdono le proprie caratteristiche di cellule specializzate e tornano ad uno stadio indifferenziato, molto simile a quello delle cellule staminali embrionali.
In questo stato le cellule iPS (cellule staminali pluripotenti indotte) possono differenziare non solo nel tipo di tessuto da cui hanno preso origine, ma in qualunque tipologia cellulare, permettendo di ricostituire tessuti danneggiati da specifiche patologie o da malformazioni congenite.
L’utilizzo di queste cellule dà un forte impulso alla medicina rigenerativa, che si propone di trattare pazienti che presentano un danno d’organo direttamente attraverso la somministrazione di cellule, preventivamente isolate e trattate, e non attraverso l’utilizzo di farmaci.
E’ un approccio del tutto nuovo a cui viene affidata la terapia di numerose patologie, quali il diabete, le lesioni del midollo spinale, le malattie neurodegenerative.
E’ importante inoltre sottolineare che l’utilizzo delle cellule staminali pluripotenti indotte (iPS) fornisce una valida alternativa a quello delle cellule staminali embrionali, che hanno sempre alimentato accese polemiche di natura etica.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>