Diagnosi prenatale:Tri e bi-test

Diagnosi prenatale: il bi-test e il tri-test

Cos’è il tri-test

Il tri-test  è un test di screening (non è un vero e proprio esame diagnostico) che fornisce la probabilità che il feto presenti anomalie cromosomiche o difetti del tubo neurale.

Il tri-test non dà un’informazione realistica della presenza di alterazioni genetiche fetali ma quantifica il rischio che queste alterazioni possano essere presenti.

Quando si effettua il tri-test

L’esame si effettua tra la 14°e la 18° settimana di gestazione attraverso un semplice prelievo di sangue materno: è indolore, non invasivo e, soprattutto non apporta alcun rischio all’incolumità del bambino.

Quali sostanze vengono analizzate sul campione di sangue nel tri-test

Sul campione di sangue viene eseguita un’analisi biochimica che quantifica la concentrazione sierica di tre marcatori:

  • Alfafetoproteina
  • Estriolo non coniugato
  • Gonadotropina corionica umana

La concentrazione di queste sostanze di origine feto-placentare in relazione all’età gestazionale è indicativa della presenza di patologie quali la Sindrome di Down (trisomia del cromosoma 21).

Elaborazione della percentuale di rischio nel tri-test

Il medico elabora la percentuale di rischio mettendo in relazione una serie di informazioni:

  • dato di laboratorio
  • età materna
  • informazioni riportate sulla scheda che la mamma compila al momento del prelievo (condizioni generali di salute, razza, peso, fumo, ecc…)

Nel caso in cui il valore di probabilità sia elevato è raccomandabile che la mamma esegua esami di approfondimento quali:

  • villocentesi
  • amniocentesi

Affidabilità del tri-test

Il grado di affidabilità nell’identificare le gestanti a rischio di avere un feto affetto da malattia cromosomica non è completo: questo esame infatti evidenzia la presenza della sindrome di Down nel 60-70% dei casi; è maggiore invece il livello di affidabilità per malformazioni congenite come la spina bifida e le anencefalie, che vengono riconosciute nella quasi totalità dei casi.

Cos’è il bi-test

Un esame più affidabile e di più precoce esecuzione è il bi-test: si tratta di uno screening combinato che si effettua tra la 11° e la 13° settimana di gestazione in cui il calcolo del rischio si esegue associando i risultati provenienti da due differenti analisi:

  • analisi del sangue materno, volta a eseguire il dosaggio di due ormoni placentari (beta-hCG e PAPP-A)
  • esame ecografico della plica nucale (translucenza nucale) che misura lo spessore della raccolta di liquido presente a livello della nuca fetale nel primo trimestre di gravidanza.

L’elaborazione di questi valori con le informazioni relative al quadro anamnestico materno, produce un risultato che, per la Sindrome di Down, esprime un livello di affidabilità del 90%.

Qualora non siano presenti casi di anomalie congenite familiari per cui è opportuno orientarsi sull’esecuzione di una indagine più approfondita , il test combinato si pone come un valido strumento che offre alla mamma in attesa un’informazione precoce relativa allo stato di salute del suo bambino senza esporlo ad alcun rischio legato alla invasività della procedura.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>