Paralisi cerebrale e cellule staminali

Nuovi studi sulla terapia della paralisi cerebrale

La paralisi cerebrale (cerebral palsy) è un disturbo persistente dell’infanzia che coinvolge la postura e il movimento e che è causato da lesioni del tessuto cerebrale in via di formazione che compromettono la sua piena funzionalità.
I bambini affetti da paralisi cerebrale presentano principalmente: difficoltà di equilibrio difficoltà di movimento e di postura ma, talvolta, manifestano difficoltà cognitive, di apprendimento, problemi di vista e di udito, epilessia.

L’ elevata incidenza della paralisi cerebrale (circa 2-3 bambini su 1000 nuovi nati sono coinvolti) spiega l’attenzione che la comunità scientifica pone su questa patologia che viene attualmente considerata una malattia trattabile ma senza possibilità di una cura risolutiva.

Recentemente, diversi trial clinici sono stati applicati per il trattamento di bambini affetti da paralisi cerebrale, basati sull’evidenza che le cellule staminali del cordone ombelicale sono in grado di migrare nei distretti corporei che presentano un danno tissutale, di attecchire e differenziarsi in tessuto maturo, favorendo in tal modo i processi di riparazione tissutale.
Di seguito alcuni tra gli studi più significativi attualmente in corso:

  • Infusione di cellule staminali autologhe di cordone ombelicale precedentemente criopreservato: trial clinico tuttora in fase di arruolamento, condotto presso il Medical College of Georgia e coordinato dal Dott. James E. Carrol  M.D (codice identificativo del trial: NCT01072370).

Questo trial clinico si prefigge di valutare la sicurezza e la fattibilità legate all’infusione di cellule staminali autologhe scongelate, in bambini che presentano disabilità motoria non progressiva.

  • Infusione di cellule staminali autologhe di cordone ombelicale fresco, non criopreservato:

trial clinico in fase di arruolamento, condotto presso il Neonatology Department of the Pediatrics Service, Hospital Universitario Dr.Jose E. Gonzalez, coordinato dal Dott. Consuelo Mancias-Guerra, MD (codice identificativo trial: NCT01506258).
Lo scopo di questo studio è determinare se la plasticità delle cellule staminali del cordone ombelicale applicate per via endovenosa può migliorare il decorso clinico dei pazienti  in cui il danno cerebrale è stato determinato da condizioni di asfissia.
La particolarità di questo studio consiste nell’utilizzare unità di sangue cordonale fresche , che vengono infuse entro 48 ore dalla nascita.
Questa procedura presenta il vantaggio di mantenere inalterato il contenuto di cellule staminali, che non si riduce in seguito ai processi di congelamento e successivo scongelamento.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>