Le Cellule staminali renali per lo studio e la cura di alcune malattie renali di natura genetica

Pic by Monica Palermo

E se vi dicessimo che all’interno delle urine sono presenti cellule staminali che possono essere sfruttate per la cura di malattie renali di natura genetica?
E’ proprio così, è stato infatti osservato che i pazienti pediatrici affetti da alcune malattie renali rilasciano nelle urine particolari cellule, chiamate “progenitori renali”, che opportunamente stimolate e coltivate in laboratorio danno origine alle cellule renali adulte, ossia le cellule mature che formano questo organo.
Il gruppo di ricerca dell’Ospedale Meyer di Firenze, coordinato dalla Dott.ssa Paola Romagnani, ha pensato di purificare queste cellule dalle urine dei pazienti, di moltiplicare il loro numero e di indurne la maturazione così da ottenere come prodotto finito cellule renali mature.
Le cellule così ottenute conservano le alterazioni genetiche dei progenitori staminali da cui derivano e per questo rappresentano un utile modello di studio che consentirà ai ricercatori di capire i meccanismi che stanno alla base della malattia.
Il punto di forza di questo progetto è la sua “plasticità”, ossia la possibilità di creare un modello di studio a misura di ogni bambino, proprio perché il suo punto di partenza è un materiale biologico che ha caratteristiche intrinseche uniche per ogni paziente.
Lo studio delle cellule renali così ottenute permetterà non solo di comprendere quali mutazioni genetiche stanno alla base della malattia, ma anche di individuare quale peso hanno sullo sviluppo della patologia alcuni particolari fattori ambientali.
Il gruppo di ricerca coordinato dalla Dott.ssa Romagnani fa capo al reparto di Nefrologia dell’Ospedale pediatrico Meyer di Firenze, una struttura di eccellenza nel campo della clinica pediatrica.
Il progetto sviluppato in questa sede è frutto di un lavoro durato oltre 3 anni, e di un impegno che è stato coronato con la pubblicazione sul Journal of the American Society of Nefrology, la più celebre rivista scientifica nel campo della nefrologia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>