La valigia della mamma…

Siete nelle ultime settimane di gestazione e l’idea del parto sta diventando sempre più concreta?
Allora potete preparare la valigia per il ricovero in ospedale, che terrete pronta dentro l’armadio o in macchina, se l’idea vi fa stare più tranquille.
E’ fondamentale portare con sé la cartella clinica che documenta la vostra gravidanza e che contiene tutti gli esami svolti nel corso della gestazione: ecografie, esami del sangue e delle urine, elettrocardiogramma. Non dimenticate un documento di identità, la tessera sanitaria e il codice fiscale.
Per quanto riguarda l’abbigliamento la regola è quella di utilizzare abiti comodi, non solo per voi ma anche per il personale sanitario che vi assisterà: la manica corta infatti renderà più agevoli le manovre delle ostetriche durante un prelievo di sangue o il posizionamento di un catetere.
Non è obbligatorio utilizzare la camicia da notte piuttosto che il pigiama, l’importante è la presenza di un’ampia apertura che permetta di allattare il vostro bambino in tutta comodità.
Parlando dell’abbigliamento intimo è consigliabile comprare un solo reggiseno per l’allattamento, di una taglia superiore alla vostra…non potete ancora sapere di quante misure aumenterà il vostro seno, per cui è meglio non esagerare.
Non dimenticate di mettere in valigia gli slip a vita alta di cotone o di rete, gli assorbenti post-parto, la panciera elastica in caso di parto cesareo, una vestaglia e un paio di pantofole.
Per quanto riguarda il necessario per l’igiene intima, ogni mamma metterà in valigia tutto ciò che ritiene più utile e opportuno; è importante considerare la possibilità che riceviate dei punti dopo il parto, per cui attrezzatevi con un catino di plastica, salviette disinfettanti per sanitari, detergenti antibatterici specifici per per il post-parto.
Può essere utile portare con sé prodotti emollienti per ammorbidire il capezzolo, che dopo il parto diventa più turgido in seguito alla fisiologica trasformazione a cui va incontro il seno; spesso è consigliato l’utilizzo di lanolina ma se desiderate un approccio più “naturale” è sufficiente idratare il capezzolo con qualche goccia di colostro, che ha proprietà non solo idratanti ma anche antisettiche.
Infine inserite in valigia qualche caramella, piccoli snack e bevande zuccherate che vi daranno un po’ di energia durante il travaglio.
Buon parto a tutte!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>